Airpocalypse: perché milioni di cinesi stanno fuggendo dalle città

Una terrificante ondata di smog sta costringendo 400 milioni di cinesi a fuggire dalle loro case

Share With:

“Airpocalypse”: la parola è inglese, ma l’origine cinese. Crasi tra “air” e “apocalypse”, due parole delle quali non crediamo di dovervi spiegare il significato, è il termine informale che viene utilizzato ormai da qualche anno ogni volta che in Cina il livello di inquinanti nell’aria supera i livelli di guardi; un problema che si ripresenta a intervalli regolari ormai da anni, e che colpisce in particolar modo le aree più industrializzate del Paese – il che, considerando che la Cina è una delle maggiori potenze del mondo, con una crescita media di quasi il 10% tra il 1988 e oggi, significa grosse fette di territorio. In questi giorni, Pechino e dintorni sono finite in mezzo a un altro caso di airpocalypse, il peggiore del 2016 secondo il rapporto di Greenpeace, che scrive come “i livelli di inquinamento di 23 città […] colpiscono una popolazione pari a quella di Stati Uniti, Canada e Messico, sommate”. L’evento sta colpendo quasi 500 milioni di persone, 200 milioni delle quali si trovano in aree dove il livello di smog è “pericoloso”: il risultato è un esodo di massa, con il principale sito di viaggi online cinese, Ctrip, che prevede almeno 150.000 partenze per l’estero nei prossimi giorni (destinazioni predilette: Australia, Maldive, Giappone).

A vedere le foto e i video che arrivano dalla Cina sembra di assistere alle prove generali di un qualche film postapocalittico: su Weibo, l’equivalente cinese di Twitter, sono comparse per esempio le foto di una scuola evacuata, con gli studenti costretti a seguire le lezioni in giardino:

Mentre l’account di Greenpeace Asia ha postato questo video, girato nella città di Tangshan:

Il Guardian ha raccolto altre testimonianze dalla Cina, come quella di Lauri Myllyvirta, attivista finlandese di Greenpeace che si è fotografato con una maschera «che mi fa sembrare Darth Vader»: la sua unica protezione contro lo smog.

China News ha pubblicato su Twitter un’immagine terrificante, che mostra il cielo di Pechino passare dall’azzurro al giallo morte nel giro di poche ore, lo scorso venerdì (giorno dell’inizio dell’allerta meteo):

 

(c’è persino chi ha creato un’App che aiuta a sopravvivere alle airpocalypse)

La Cina ha un problema di smog, dunque, e il motivo è presto spiegato: le industrie del Paese si affidano ancora al carbone come fonte principale di energia, e il risultato, come ha spiegato al Guardian l’attivista di Greenpeace Dong Liansai, è che «lo smog si riempie di particelle di PM2.5, che causano problemi di salute gravi come cancro al polmoni, asma e infarto». Fa sorridere amaramente in questo senso una delle comunicazioni delle autorità cinesi, che hanno spiegato di aver multato 388 persone colpevoli di aver acceso un barbecue in giardino: pensare che 388 barbecue possano inquinare più di un’industria da 4.000 miliardi di dollari di fatturato l’anno è un’evoluzione mentale degna di 1984.

C’è una speranza per il futuro? Forse sì. Come spiega ancora Myllyvirta, i picchi di smog di questi anni sono conseguenza della scelta del governo cinese di stimolare l’economia lanciando una serie di progetti edili in giro per il Paese, che a loro volta hanno fatto aumentare il prezzo dell’acciaio e spinto i produttori (che sono sottoposti a regolamentazioni piuttosto lasse) a far esplodere l’offerta. Il risultato sono gli episodi di airpocalypse che si moltiplicano con il passare del tempo, e che il governo stesso sta cercando di limitare grazie a nuove norme sulla produzione industriale e alla promozione di un’economia più verde.

Nel frattempo, però, resta l’esodo di milioni di cinesi (almeno quelli che riescono a partire, visto che lo smog ha bloccato diversi aeroporti in giro per il Paese), e la preoccupazione per il futuro in un mondo in cui il futuro presidente degli Stati Uniti fa di tutto per negare il problema del cambiamento climatico e per inimicarsi proprio la Cina – una scelta strategica non delle più furbe, considerando che una collaborazione attiva tra i due maggiori Paesi inquinanti al mondo potrebbe aiutare parecchio a combattere il cambiamento climatico nel mondo.

Non ci resta che chiudere con una preghiera: aiutaci, Elon Musk, sei la nostra unica speranza.

(le foto della gallery sono tratte da:

http://www.abc.net.au

https://www.theguardian.com

https://www.ft.com

https://telegraph.co.uk

https://newsweek.com

https://www.nytimes.com/

Non è stato inserito nessun commento.

Accedi


Nome utente
Crea un nuovo account!
Password
Hai dimenticato la password?

Registrati


Nome utente
Email
Password
Conferma la Password
Sesso
Indirizzo
Citta
Provincia
Professione
Telefono
Desidero ricevere la newsletter
Accetto le condizioni di utilizzo del servizio
Ai sensi degli articoli 1341 e 1342 del codice civile italiano si accettano espressamente i seguenti articoli del Contratto: 1. (automatica accettazione della più recente versione del Contratto); 7. (diritti di privativa); 8. (manleva); 9. (modifiche e cancellazioni); 10 (limitazione di responsabilità); 12. (legge applicabile e foro competente)
Autorizzo al trattamento dei miei dati personali come descritto nell'articolo 8
Autorizzo la cessione dei miei dati personali a terzi/partner
Hai già un account? Esegui la login

password dimenticata?


Nome utente o Email
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com