Arrivano gli occhiali smart con le diottrie regolabili

Un ingegnere americano ha creato un prototipo di occhiali smart con lenti in glicerina in grado di adattarsi, grazie a un’App e un sensore infrarossi, ai difetti del cristallino.

Share With:

Se c’è un settore dove le tecnologie smart non stanno ancora dominando il mercato è quello dell’ottica: per quanto in termini di lenti (sia a contatto che quelle degli occhiali) e di materiali per le montature negli ultimi anni si vedano soluzioni eccellenti per correggere qualunque difetto visivo e nonostante la chirurgia abbia fatto passi da gigante dal punto di vista della risoluzione dei difetti del cristallino, da quello ottico siamo ancorati a soluzioni sostanzialmente figlie del 1700. O almeno è quello che ha pensato Carlos Mastrangelo, professore di ingegneria elettronica dell’università dello Utah, che, ai primi segni di presbiopia, ha deciso di risolvere il problema nel suo laboratorio inventano un prototipo di occhiali 2.0.

La presbiopia è un disturbo della vista estremamente comune, visto e considerato che con il tempo il cristallino perde l’elasticità necessaria a cambiare il punto di messa a fuoco, e va in crisi quando si tratta di focalizzare oggetti in primissimo piano. Un po’ come una macchina fotografica senza modalità macro, l’occhio diventa molto più pigro e soprattutto le scritte e gli oggetti più piccoli, se visti da vicino, diventano molto sfocati. Questo è il motivo per cui, dopo i 45, 50 anni è molto comune l’uso di lenti bifocali, o comunque occhiali da vista per la lettura. L’orologio biologico ha colpito anche Mastrangelo, che però ha deciso di non accontentarsi delle bifocali e neanche delle progressive, dove la differenza di gradazione avviene senza soluzione di continuità all’interno di una lente, ma che richiede un certo grado di abitudine per essere utilizzata e sopportata al meglio. Dal laboratorio dell’ingegnere americano, invece, arriva un prototipo di occhiali con lenti in glicerina racchiuse all’interno di membrane flessibili. All’interno di una di queste due sfoglie, quella posteriore, ci sono tre piccoli meccanismi meccanici in grado di spostare la lente, curvandola alla bisogna, e collegati a un sensore a infrarossi posizionato nel ponte degli occhiali. Il ruolo del sensore è fondamentale, perché determina la distanza degli oggetti verso cui è direzionato lo sguardo e, in soli 14 millisecondi, riesce a guidare le lenti verso la corretta curvatura e, dunque, messa a fuoco. La parte tech, però, non finisce qui, visto che gli occhiali saranno universali e l’altro vantaggio delle “lenti liquide” sarà quello di poter essere calibrate via App in base alle proprie diottrie, in maniera tale da avere una vista perfetta anche con l’eventuale peggioramento della presbiopia. Per questa ragione l’investimento iniziale potrebbe essere alto, visto che si parla di una cifra tra i 500 e 1000 dollari, ma sarebbe un investimento da spalmare su intervalli di tempo molto lunghi. Al momento esiste un solo prototipo, quello creato per sé da Mastrangelo, ed è ancora grezzo, pesante, e decisamente poco elegante, ma dopo averlo presentato al CES di Las Vegas è praticamente certo che il progetto avrà uno sviluppo e arriverà sul mercato entro tre anni, magari dotato di optional come un dispositivo di eye tracking e una depth camera in grado di lavorare su qualunque profondità di campo.

Non è stato inserito nessun commento.

Accedi


Nome utente
Crea un nuovo account!
Password
Hai dimenticato la password?

Registrati


Nome utente
Email
Password
Conferma la Password
Sesso
Indirizzo
Citta
Provincia
Professione
Telefono
Desidero ricevere la newsletter
Accetto le condizioni di utilizzo del servizio
Ai sensi degli articoli 1341 e 1342 del codice civile italiano si accettano espressamente i seguenti articoli del Contratto: 1. (automatica accettazione della più recente versione del Contratto); 7. (diritti di privativa); 8. (manleva); 9. (modifiche e cancellazioni); 10 (limitazione di responsabilità); 12. (legge applicabile e foro competente)
Autorizzo al trattamento dei miei dati personali come descritto nell'articolo 8
Autorizzo la cessione dei miei dati personali a terzi/partner
Hai già un account? Esegui la login

password dimenticata?


Nome utente o Email
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com