Drone League Racing tra realtà e videogioco

La prima competizione sportiva tra droni è spettacolare e sembra uscita da un videogioco. Anzi, è già un videogioco! Nel 2017 la lega arriverà anche in TV in Italia, grazie a Sky Sport.

Share With:

Velocità, gare adrenaliniche e tecnologia. No, non stiamo parlando della F1, ma della Drone Racing League, che nel 2017 continua il suo processo di crescita e ampliamento. Arriva a giugno ed è stata aggiunta una gara rispetto alle cinque del 2016, dove i droni hanno sfrecciato in suggestive location come lo stadio dei Dolphins a Miami, nei capannoni abbandonati di di Los Angeles, o nella fabbrica di Bell Works a Manhattan, in uno stadio della ricchissima Dubai, o in un set spaziale in Ohio. Scenari davvero da fantascienza, per quello che viene definito lo sport di domani e che già inizia ad avere un suo peso economico: da quest’anno il partner ufficiale sarà il gruppo Allianz e i diritti televisivi arrivano anche in Europa, con Sky che si è assicurata la possibilità di trasmettere le nel nostro paese.

Visti i nuovi accordi è lecito aspettarsi che la DRL inizi a girare il mondo, magari nelle diverse Alianz Arena sparse nel globo, e dunque vedrebbe Monaco di Baviera come possibile meta Europea. Ma come funziona la gara? In pratica è una via di mezzo tra realtà, fantascienza e videogiochi, visto e considerato che vengono chiaramente pilotati in remoto, grazie a degli occhiali speciali che trasmettono ai piloti ciò che vede il drone. I quadricotteri utilizzati sono uguali per tutti i piloti, che hanno a disposizione una propria postazione con visore o occhiali personali. Una competizione spettacolare e decisamente televisiva, visto e considerato che tutto il materiale catturato dai droni finisce direttamente in cabina di regia, e dunque è clamorosamente facile montare i contributi live dai droni all’interno di un corpus di riprese televisive canoniche, proprio come accade in F1 con i camera car. Seppur è facile immaginare la DRL come una F1 futuristica, il modello di business scelto dalla lega, a giudicare dalle parole di Nick Horbaczewski, patron della competizione, è più simile alla NASCAR. D’altronde anche nella celebre competizione americana l’obiettivo è più lo spettacolo che la sfida tecnologica e sportiva, e per una lega che trae più ispirazione dal movimento eSports che da quello FIA è chiaro che la ricerca del compromesso e del divertimento restano le priorità. A questo proposito, il legame con i videogiochi è davvero stretto, tanto che non è facile distinguere un video di gara con un titolo di corse antigravitazionali. E dunque, in attesa delle novità sulle corse tra droni, abbiamo pensato di consigliarvi, con una gallery, anche i cinque migliori giochi con cui allenarsi in attesa dell’arrivo della DRL anche in Italia.

Non è stato inserito nessun commento.

Accedi


Nome utente
Crea un nuovo account!
Password
Hai dimenticato la password?

Registrati


Nome utente
Email
Password
Conferma la Password
Sesso
Indirizzo
Citta
Provincia
Professione
Telefono
Desidero ricevere la newsletter
Accetto le condizioni di utilizzo del servizio
Ai sensi degli articoli 1341 e 1342 del codice civile italiano si accettano espressamente i seguenti articoli del Contratto: 1. (automatica accettazione della più recente versione del Contratto); 7. (diritti di privativa); 8. (manleva); 9. (modifiche e cancellazioni); 10 (limitazione di responsabilità); 12. (legge applicabile e foro competente)
Autorizzo al trattamento dei miei dati personali come descritto nell'articolo 8
Autorizzo la cessione dei miei dati personali a terzi/partner
Hai già un account? Esegui la login

password dimenticata?


Nome utente o Email
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com