http://youtech.it/old_images/youtech/tech-life/tech-news/elon-musk-e-stephen-hawking-mettono-in-guardia-contro-i-rischi-dei-robot-31423/545830-1-ita-IT/Elon-Musk-e-Stephen-Hawking-mettono-in-guardia-contro-i-rischi-dei-robot.jpg

Elon Musk e Stephen Hawking mettono in guardia contro i rischi dei robot

Lettera aperta sul futuro delle IA, nella quale si chiede prudenza e attenzione

Share With:

«I robot sono più pericolosi della bomba atomica» scriveva Elon Musk, fondatore di Tesla, quest'estate su Twitter. Sembrava un'affermazione provocatoria e iperbolica, utile ad attirare l'attenzione e a stimolare una discussione, e invece pare che Musk – e con lui il gotha della scienza informatica e non solo – abbia davvero paura dei potenziali sviluppi di un cervello artificiale. Ha infatti firmato, insieme a Stephen Hawking, al co-fondatore di Skype Jaan Tallinn e a centinaia di altri esperti, una lettera aperta redatta dal FLI, il Future Life Institute fondato proprio da Tallinn e il cui motto è «la tecnologia ci dà l'opportunità di crescere come mai prima… o di autodistruggerci». Nella lettera si chiede, a fronte dei rapidi progressi degli studi sulle IA, di cominciare ad attivarsi per renderle non solo più funzionali, ma anche più utili alla società, e di prendere in considerazione i rischi di uno sviluppo incontrollato.

La lettera, che trovate qui e che potete sottoscrivere, se lo credete, compilando il form che si trova sulla pagina, sostiene che «mentre ci spostiamo dal laboratorio a tecnologie che hanno un valore monetario, stimolando investimenti nella ricerca, è importante che questa venga condotta massimizzando i benefici e minimizzando i rischi». Non si parla esplicitamente di "pericolo AI", né viene fatto riferimento a Skynet o a Matrix, naturalmente. Ma una frase riporta alla mente le posizioni preoccupate di Musk (e di Stephen Hawking, un altro che crede sia necessario tenere sotto controllo le IA): «Dobbiamo far sì che i nostri sistemi di IA facciano quello che noi vogliamo che facciano». L'iniziativa non si limita a mettere in guardia, ma fa anche proposte: qui trovate quelle che, secondo i firmatari della lettera, sono le direzioni di ricerca da perseguire nel prossimo futuro per tenere a bada le IA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Non è stato inserito nessun commento.

Accedi


Nome utente
Crea un nuovo account!
Password
Hai dimenticato la password?

Registrati


Nome utente
Email
Password
Conferma la Password
Sesso
Indirizzo
Citta
Provincia
Professione
Telefono
Desidero ricevere la newsletter
Accetto le condizioni di utilizzo del servizio
Ai sensi degli articoli 1341 e 1342 del codice civile italiano si accettano espressamente i seguenti articoli del Contratto: 1. (automatica accettazione della più recente versione del Contratto); 7. (diritti di privativa); 8. (manleva); 9. (modifiche e cancellazioni); 10 (limitazione di responsabilità); 12. (legge applicabile e foro competente)
Autorizzo al trattamento dei miei dati personali come descritto nell'articolo 8
Autorizzo la cessione dei miei dati personali a terzi/partner
Hai già un account? Esegui la login

password dimenticata?


Nome utente o Email
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com