iPad corea del nord

iPad debutta in Corea del Nord ma Apple non c’entra nulla

Un’azienda della Corea del Nord ha presentato un modello di tablet che ha chiamato iPad senza alcun ritegno. Apple certamente non avrà gradito

Share With:

Quando si parla di Corea del Nord quasi tutti pensano immediatamente all’ambiguo dittatore Kim Jong-un e al rischio di un conflitto nucleare. In realtà il Paese asiatico così come il suo ingombrante vicino la Cina è famoso per realizzare prodotti taroccati. L’azienda locale Ryonghung ha scelto un nome curioso per il suo tablet in barba a qualsiasi legge internazionale sul copyright. La tavoletta elettronica è stata infatti battezzata iPad, esattamente come il più famoso prodotto di Apple.

Ovviamente l’iPad presentato in Corea del Nord non ha nulla a che fare con il tablet dell’azienda di Cupertino, che secondo il suo co-fondatore Steve Wozniak non sarà la portatrice della prossima rivoluzione tecnologica. Il prodotto di Ryonghung è decisamente di qualità inferiore e a guardarlo sembra più un giocattolo che un dispositivo elettronico vero e proprio. Il falso iPad innanzitutto utilizza una versione non troppo aggiornata di Android al posto di iOS e le sue prestazioni, così come le funzioni disponibili, sono molto limitate. Il tablet è inoltre accompagnata da un vistosa cover con tastiera wireless di un colore rosso acceso. La scelta di questa tinta forse è stata fatta per ricordare la filosofia di ispirazione comunista su cui si basa la società nord coreana (Juche). Non deve essere nemmeno un caso il fatto che nel volantino promozionale si veda sul display del tablet una serie di prodotti agricoli. L’autarchia, insieme alla lotta contro le potenze occidentali, è infatti uno dei principi fondanti della politica di Kim Jon-un. Potenzialmente questo finto iPad consente di connettersi ad Internet ma bisogna ricordare che in Corea del Nord esiste solamente una rete locale che vige sotto l’occhio vigile e costante della censura e delle autorità governative.

Questa non è nemmeno la prima volta che un’azienda del bellicoso Paese asiatico imita un prodotto di Apple. Come ricorda il sito Gizmodo qualche anno fa durante una fiera a Pyongyang è stato presentato un computer esteticamente identico ad un iMac insieme ad un sistema operativo chiamato Red Star 3.0 chiaramente ispirato a iOS. In questi casi le aziende locali sono limitate a copiare l’aspetto dei prodotti della Mela ma nessuna aveva mai pensato di utilizzare così spudoratamente un suo marchio. Ora non resta che attendere se Apple intenterà o meno una causa legale contro Ryonghung.

Non è stato inserito nessun commento.

Accedi


Nome utente
Crea un nuovo account!
Password
Hai dimenticato la password?

Registrati


Nome utente
Email
Password
Conferma la Password
Sesso
Indirizzo
Citta
Provincia
Professione
Telefono
Desidero ricevere la newsletter
Accetto le condizioni di utilizzo del servizio
Ai sensi degli articoli 1341 e 1342 del codice civile italiano si accettano espressamente i seguenti articoli del Contratto: 1. (automatica accettazione della più recente versione del Contratto); 7. (diritti di privativa); 8. (manleva); 9. (modifiche e cancellazioni); 10 (limitazione di responsabilità); 12. (legge applicabile e foro competente)
Autorizzo al trattamento dei miei dati personali come descritto nell'articolo 8
Autorizzo la cessione dei miei dati personali a terzi/partner
Hai già un account? Esegui la login

password dimenticata?


Nome utente o Email
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com