ISS VR

Oculus Rift ci porta in gita nello spazio con Mission: ISS

Mission: ISS è un’App gratuita per Oculus Rift che permette di fare un viaggio virtuale sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Share With:

Se avete sempre sognato di esplorare una stazione spaziale e guardare la terra da una prospettiva davvero speciale, da oggi potreste coronare parte del vostro sogno, a patto di avere un PC sufficientemente performante e il visore per la realtà virtuale Oculus Rift. Da oggi, dallo store ufficiale, infatti, è disponibile Mission: ISS, un simulatore in grado di mettervi nei panni di un vero astronauta all’interno della Stazione Spaziale Internazionale.

Sviluppata da Magnopus in collaborazione con Nasa, l’Agenzia Spaziale Canadese e l’Agenzia Spaziale Europea sulla base di modelli e progetti della stazione reale, l’esperienza virtuale di Mission: ISS non è solo contemplativa, ma permette l’interazione con diversi dispositivi a bordo della base orbitante, e dunque si potrà visualizzare la banchina di carico e svolgere diversi compiti che di solito fanno parte della routine dei veri astronauti. Chiaramente, è possibile anche godersi delle splendide passeggiate spaziali, che finora erano soltanto appannaggio del videogioco Adrift, uno dei migliori titoli con cui testare Oculus Rift. Il fascino di Mission: ISS, però, è proprio quello di essere un surrogato della vita spaziale vera, tanto che l’App viene utilizzata anche per alcuni esercizi di addestramento in preparazione dei primi viaggi.

Oculus è estremamente attenta allo sviluppo spaziale, tanto da star conducendo una missione molto particolare: l’azienda, in collaborazione con il CNES, ha inviato un visore all’astronauta Thomas Pesquet, per comprendere quanto, e come, in assenza di gravità possano cambiare la percezione dello spazio circostante e l’equilibrio. D’altronde, non è un mistero che l’uso dei visori per la realtà virtuale costituiscono un banco di prova interessante per il nostro sistema cognitivo, tanto che alcuni soggetti, indossando il visore e sottoponendosi a simulazioni in soggettiva abbastanza movimentate, possono soffrire di un disturbo chiamato chinetosi, o più comunemente conosciuto come motion sickness.

Non è stato inserito nessun commento.

Accedi


Nome utente
Crea un nuovo account!
Password
Hai dimenticato la password?

Registrati


Nome utente
Email
Password
Conferma la Password
Sesso
Indirizzo
Citta
Provincia
Professione
Telefono
Desidero ricevere la newsletter
Accetto le condizioni di utilizzo del servizio
Ai sensi degli articoli 1341 e 1342 del codice civile italiano si accettano espressamente i seguenti articoli del Contratto: 1. (automatica accettazione della più recente versione del Contratto); 7. (diritti di privativa); 8. (manleva); 9. (modifiche e cancellazioni); 10 (limitazione di responsabilità); 12. (legge applicabile e foro competente)
Autorizzo al trattamento dei miei dati personali come descritto nell'articolo 8
Autorizzo la cessione dei miei dati personali a terzi/partner
Hai già un account? Esegui la login

password dimenticata?


Nome utente o Email
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com