robot

Ora i robot si comandano con la telepatia

I ricercatori del MIT possono dare comandi ai robot con la sola forza del pensiero e li correggono quando sbagliano

Share With:

Recentemente il CEO di Tesla, Elon Musk, ha ipotizzato una nuova forma di interazione tra uomo e macchina senza l’ausilio di alcun tipo di periferica di imput fisica. In sostanza l’eccentrico miliardario, che sta progettando i primi voli turistici verso la Luna, sogna di comandare i robot con il pensiero. In realtà questo tipo di tecnologia esiste già oggi e i ricercatori del Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory del MIT di Boston (CSAIL) hanno studiato una soluzione che ne dimostra in pieno le potenzialità.

Gli scienziati hanno realizzato un sistema di feedback che legge le reazioni del cervello mentre un robot sta lavorando. Se la macchina commette un errore e l’utente se ne accorge questa cerca automaticamente di correggersi con un tempo di reazione praticamente istantaneo. Tutto questo avviene senza che venga premuto alcun bottone o emesso un fiato.

La tecnologia sviluppata dal MIT consiste in una cuffia per onde celebrali (EEG) che una volta connessa al robot permette di comandarlo. Il sensore è in grado di registrare un particolare segnale chiamato “error-related potentials” o “ErrPs” che il cervello emette ogni volta che si compie un errore. Questo feedback viene poi trasmesso al robot che provvede quindi a ritornare sui suoi passi. Il primi test hanno riguardato un sistema con due possibilità di scelta ma in futuro il MIT conta di poterne realizzare anche di più complessi. Inoltre, i ricercatori hanno fatto un’ulteriore passo avanti rispetto alle precedenti esperienze di telepatia tra uomo e macchina. In precedenza l’operatore era costretto a pensare in un certo modo per essere compreso dal robot mentre questa tecnologia è stata progettata per adattarsi ai suoi pensieri.

Quando guardi il robot l’unica cosa che devi fare è essere mentalmente d’accordo o meno con quello che sta facendo. – ha spiegato Daniela Rus, direttrice dei laboratori del MIT – Non è necessario allenarsi a pensare in un certo modo in quanto è la macchina ad adattarsi a te e non il contrario“.

Non è stato inserito nessun commento.

Accedi


Nome utente
Crea un nuovo account!
Password
Hai dimenticato la password?

Registrati


Nome utente
Email
Password
Conferma la Password
Sesso
Indirizzo
Citta
Provincia
Professione
Telefono
Desidero ricevere la newsletter
Accetto le condizioni di utilizzo del servizio
Ai sensi degli articoli 1341 e 1342 del codice civile italiano si accettano espressamente i seguenti articoli del Contratto: 1. (automatica accettazione della più recente versione del Contratto); 7. (diritti di privativa); 8. (manleva); 9. (modifiche e cancellazioni); 10 (limitazione di responsabilità); 12. (legge applicabile e foro competente)
Autorizzo al trattamento dei miei dati personali come descritto nell'articolo 8
Autorizzo la cessione dei miei dati personali a terzi/partner
Hai già un account? Esegui la login

password dimenticata?


Nome utente o Email
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com